Journal of Seventeenth-Century Music, volume 9 (2003) no. 1
http://www.sscm-jscm.org/v9/no1/mamone.html
ISSN: 1089-747X

Sara Mamone
Most Serene Brothers-Princes-Impresarios: Theater in Florence under the Management and Protection of Mattias, Giovan Carlo, and Leopoldo de’ Medici

Document 3
Letter from Michele Grasseschi, 15 January 1642 (I-Fas Mediceo del Principato, 5472, fol.16r)

Serenissimo signore,

arrivai per l’altrui grazia a Venezia, e fui ricevuto da questi signori virtuosi con mio gran gusto, e ci fu la signora Anna che fece la Finta Pazza, el asignora Paola, tutte due romane, quali sono veramente bravissime per scena. Sono dietro ad impor la parte, quale si attende a 700 versi, piuttosto da vantaggio che meno; vedrò servire Vostra Altezza Serenissima in ogni miglior modo che posso, come a mio debito. Passai per Bologna e fui alloggiato dall’Illustrissimo Balì Cospi mio signore con grandissimi onori, contro ogni mio merito, ed egli per sua grazia e comandamento dell’ illustrissimo signore marchese Guicciardini mi fece sentire, e sentii, la signora Maria già destinata per Vostra Altezza Serenissima. Dico che assaissimo mi piace sì di aspetto come di voce, e buona disposizione, e trillo, ed è da fare ogni riuscita, sì che se Vostra Altezza serenissima la piglierà farà buona elezione, e io me gl’offero per quanto potrò, purché sei mesi io gl’insegni senza che Vostra Altezza la faccia sentire ad altri, e allora vedrà quello sa fare il Grasseschi, perché conosco in lei grandissima volontà di imparare, e dicco a Vostra Altezza che piacerà più lei cantando un’aria ch’un’altra sei, e la ragione ha perch’è bella. Questo è quanto mi occorre circa la mia commedia, non si comincerà sino a primo del prossimo mese ….

Di Venezia, 15 gennaio 1642. Umilissimo e obbligatissimo servo Michele Grasseschi.

Return to note 14.