Journal of Seventeenth-Century Music, volume 8 (2002) no. 1
http://www.sscm-jscm.org/v8/no1/kurtzman.html
ISSN: 1089-747X

Jeffrey Kurtzman and Linda Maria Koldau
Trombe, Trombe d'argento, Trombe squarciate, Tromboni, and Pifferi in Venetian Processions and Ceremonies of the Sixteenth and Seventeenth Centuries


Document 42: Horseback procession with trombe squarzae [sic] and tamburli, April 16, 1512.
From Marino Sanuto, I Diarii, 14, cols. 500–501.

1512 a' 16 april. In Alessandria zonzesemo a dì 17, poi nanti zorno se tirasemo con le galie solo al Farion, et a una hora di zorno el vice consulo, che era missier Alvise Mora, con li altri mercandanti si veneno con un palaschermo fatto de un gripo fornito de pani d'oro, veludi cremesini, scarlati, et altre barche et nave fornide a foza di palaschermi, et la magnificentia di missier montò in gripo con alcuni de nui vestito con la veste dogal di restagno d'oro fodrà di armelini, con tutta la compagnia parte vestita de seda, parte de scarlato et parte de ruosa secha, et veniseno a la marina dove vegnando, le zente che erano nel Farion nuovo comenzorno a trazer al qual e ne l'intrar del porto, et cussì quelli del Farion vechio, et algune nave ragusee che erano in porto con l'armada del signor Soldan. Zonti veramente a marina, trovasemo aparechiato uno pontil con scarlati et altri pani, et in terra el signor armiraglio de Alesandria nominato Codabardi de bonissimo aspecto, de età de anni 45, quale è armiraglio de 1000 lance, dignità propinqua al signor Soldam, et eso armiraglio era con più di 200 mamaluchi a cavalo et grandissima quantità de mori, et saludò la magnificentia de l'ambasador et cavalcò apresso lui, et pur asssa' de la compagnia nostra a cavallo con trombe squarzae et tamburli de la galia inanci, et traseno tute le artelarie de le galie; le qual dete tanta reputation, che mori podarano saciarse de dir che mai sentiteno el mazor strepito che quello respeto al basilisco et al canon, et dicevano essera la 1.a artelaria del mondo, et cavalcavano ben visti con tuta et bona ciera dil mondo. Et cavalcando a la volta de la casa de l'armiraio, passassemo nanci i fontegi de veneciani, dove erano consati tuti veludi ed altri pani de seda et le strade coverte con scarlati et altri pani con festoni, arme Trivisane et moti, quali dicevano: Benedictus qui venit in nomine Domini, loquens contritus est et nos liberati sumus, et altri assai a questo proposito. Le strade veramente erano piene de mori et more, inanto che tutta la terra era corsa a veder la venuta di sua magnificentia. Acompagnato l'armiraio a casa, tolseno licentia et lui mandò el suo Diodar, ch'è la prima persona habia queli signori apresso loro, con grandissima quantità de cavali et varie sorta de quei sui instrumenti, pive, trombe et nacare; dove andasemo ad alozar in una casa dil Soldan la più bella sia in Alesandira fata aparechiar per sua magnificentia, tuta quanta piena de profidi, serpentini, et tute le porte lavorate intarsia de ebano, avuolio et li salizi a foza di quelli de la chiesia di San Marco, et lì alozasemo facendo cortesie asaissime, a' queli mori. I marcadanti veramente nostri de tuti do i fontegi, fontego grando et fontego picholo, 3 notte feceno grandissimi fuogi con trombe squarzae et tamborini, bombarde et rochete asaissime, balando et festigando sopra le taraze; sichè se concluse non esser stà fatto simel honorificencie per ambassador niun . . .

Return to note 385.