Journal of Seventeenth-Century Music, volume 8 (2002) no. 1
http://www.sscm-jscm.org/v8/no1/kurtzman.html
ISSN: 1089-747X

Jeffrey Kurtzman and Linda Maria Koldau
Trombe, Trombe d'argento, Trombe squarciate, Tromboni, and Pifferi in Venetian Processions and Ceremonies of the Sixteenth and Seventeenth Centuries


Document 56: Public announcement of peace treaty, January 1, 1530 (new style).
From Marino Sanuto, I Diarii, 52, cols. 435–36.

A dì primo. Sabado. Zorno deputado a publicar la paxe et liga, et licet fusse fango, caligo et cativo tempo, era conzado la chiesia de San Marco de tapezarie et panni d'oro benissimo, et a l'altar grando gran luminarie, restate da la vizilia et zorno de Nadal, ma non fu conzado la chiesia de fuora via nè il pazo, come è solito farse, con tapezarie et stendardi de doxi et capitanei zenerali, dicono, per causa del tempo cativo. Et fu posto l'orator del Signor turco de sora le hostarie, in caxa de Piero de Lodovici gastaldo di procuratori, insieme con domino Thodaro Paleologo interpetre, stete comodamente, et have gran piacer a veder el tutto, et disnoe poi lì, dove li fu fatto uno honorato pranso.

Et il Serenissimo, vestito de restagno d'oro, vene in chiesia a la messa, con li secretari tutti che vien in Pregadi, numero 7, de scarlato vestidi, et li oratori Papa, Franza, do de Milan, Fiorenza et Ferara. Demum el primocerio de San Marco Barbarigo con 7 altri episcopi, zoè . . . , poi li consieri; et erano questi procuratori: sier Jacomo Soranzo, sier Lorenzo Justinian, sier Andrea Lion, sier Francesco di Prioli, sier Antonio de Prioli, sier Vicenzo Grimani; eravi solum tre cavalieri, videlicet sier Francesco Donado cao de X con becho d'oro, sier Zuan Badoer con becho d'oro, sier Lorenzo de Prioli con becho d'oro, sier Sebastian Contarini con una cadena d'oro in loco de becho; poche veste de seda; erano in tutto zentilhomeni de Pregardi numero . . . .

Et nota. Do soli viti che non sono de Pregadi, oltre sier Francesco Morexini et sier Marco Morexini doctori, zoè sier Zuan Dolfin fo avogador qu. sier Nicolò, sier Zuan Antonio Venier fo avogador qu. sier Jacomo Alvise. Hor fo ditta la messa in chiexia de San Marco per el patriarca nostro; poi comenzata la procession. Nè fu fatto li panni atorno la piaza su antenelle iusta el solito per non vi esser al purgo, poi è inverno, el sol non dà fastidio. Veneno le scuole San Zuanne, la Caritae, la Misericordia, San Rocho et San Marco, tutte benissimo ad ordine de assà arzenti. Prima a li dopieri d'oro erano apicati tre tazoni per uno, poi chi soleri, chi in corbe, chi in zerle, chi . . . . , assaissimi arzenti, altri sotto le umbrele su soleri, gran copia. Item, tutte le scuole, haveano li Batudi arzenti assà in man, et belli arzenti et de gran valuta: et la scuola de San Roco se fece honor et de arzenti et de soleri et de altro, et quella de San Marco, con la justitia sentada, item uno San Marco in piedi, item li cinque colegadi sentadi ad uno, zoè papa, imperador, re Ferdinando, el doxe et il duca de Milan, che fo bel veder. Fo stimato li arzenti portò le scuole di gran valuta, et questo fu fato de ordine de la Signoria, aziò se vedi, se ben el stado è stato in guerra, è assà arzenti ancora in la terra. Poi veneno li frati tutti con arzenti in man, et reliquie ogniun portava in man, et aparati con belli aparamenti, et cussì le 9 congregation de preti et el capitolo de Castello con arzenti et reliquie in man, quel de San Marco non vene de longo atorno la piaza, ma zonto apresso la piera del bando, per l'hora tarda, scavezò et andò atorno la chiexia col patriarca apparato con la mitria in testa; et come el Serenissimo fo a la piera del bando, per Nicolò comandador ministerial, vestido damaschin cremexin con un mantel de scarlato a fanestrele indosso, fo publicà la paxe et liga. Le parole sarano scritte qui avanti. Et con soni de trombe et pifari et gran campane fo compita la processione et festa, ch'era hore 221 che se andò a disnar. Era grandissimo popolo in piaza, ma fu mal fato che'l Serenissimo non andasse a torno la piaza iusta el solito, ma per l'hora tarda abreviò la procession.

Et è da saper. Da poi disnar era ordinato uno parentà de noze de sier Zuan Barbarigo de sier Andrea in la fia qu. sier Zuan Francesco Marzelo qu. sier Antonio a Santo Anzolo, in chà da Pexaro, et per questo fu fato, ma pochi vi andoe.

Et la sera fu gran caligo, pur el legato fè festa de fuogi assai et soni et balar; etiam l'orator del duca de Milan fè festa, et fo ordinato lumiere per li campanieli et sonar campane per tre zorni in questa terra et per tutte le terre nostre.

È da saper. L'orator del re de Franza fu in procession, monsignor de . . ., ma non con apiacer, vedendo non esser fatto mention del suo re et manco del re de Anglia, l'orator del qual è a Bologna andato; ma fu compassion di quel de Fiorenza che resta sola quella republica a difendersi etc.: tamen la sera esso orator de Franza fece festa e fuogi in caxa sua.

Fu fato un gran fuogo de legne in piaza de San Marco et vi fu assà brigata.

Reference

1. This would be approximately 3:00 p.m. in modern time. Venetian time in the 16th century was calculated on a 24-hour clock from sunset.  On January 1, noon would have been approximately 19:00 hours and "hore 22" about 3:00 p.m.  See Michael Talbot, "Ore Italiane: The Reckoning of the Time of Day in Pre-Napoleonic Italy," Italian Studies, 40 (1985): 51–62, especially the conversion table on p. 60 and Appendix II, where adjustments for the pre-1582 Julian calendar are described..

Return to note 397.

Return to note 405.