Journal of Seventeenth-Century Music, volume 8 (2002) no. 1
http://www.sscm-jscm.org/v8/no1/kurtzman.html
ISSN: 1089-747X

Jeffrey Kurtzman and Linda Maria Koldau
Trombe, Trombe d'argento, Trombe squarciate, Tromboni, and Pifferi in Venetian Processions and Ceremonies of the Sixteenth and Seventeenth Centuries


Document 60. Mass at church of San Salvador, October 16, 1530
. From Marino Sanuto, I Diarii, 54, cols. 54–56.

In questa matina, in chiesia de San Salvador, dove fu preparata de tapezarie, bandiere etc., et fato una seraia in chiesia, dove dovea star el signor duca de Milan a la messa, et etiam ve saria el duca de Ferrara, e cantar una messa solenne con tuti li virtuosi de questa terra, et el signor de la compagnia de Reali sier Zacaria Gabriel de sier Marco, vestito de restagno d'oro, di varo, e uno manto de veludo alto e basso sopra, con cadena d'oro grossa al collo et la baretta de veludo cremesin, et li soi consieri sier Francesco Justinian qu. sier Antonio dal Caro e tutti li altri in veludo cremexin a comedo, et molti in alto e basso e becheto de veludo negro, le calze recamade, con uno brieve solo sopra la sua divisa, adornato de perle, et questo brieve con lettere: "Cussi schieto al ciel sorga el suo nome", item ziponi de restagno d'oro, con trombe e pifari, vene a una messa, come ho ditto, solenissima a San Salvador. Non potè venir el duca de Milan per la pioza, perchè pioveva grandemente: el duca de Ferrara vi fu di sora, dai frati, incognito, con sier Catarin Zen di sier Piero suo amicissimo. Hor la messa compite tardi, et li compagni doveano disnar a casa del Signor, et andono, et in piedi manzono do bochoni per andar a Conseio, come andono tutti, et sentono un drio l'altro sul banco di sora di là verso broio. La nome di qual compagni, a eterna memoria, sono questi, numero 23:

[There follows a list of those present]

Questi compagni Reali hanno terminato, marti a dì 18, ch' è San Luca, far una festa nel bucintoro e andar per Canal grando, con il duca de Milan e li soi, in bucintoro, e le donne, e lì andar balando, et hozi far far più regate, sicome dirò, poi la sera far un banchetto con le donne e soi mariti e li signori e zentilhomeni del duca, e non il duca, chè li signori non manzano fuora per la credenza etc.

Return to note 401.